Giochiamo a Ta-pum!

 

“Nessuno verrà lasciato indietro!”

Il solito gioco di guerra? Non penso proprio. Non si tratta di fare centro sul nemico, di eliminare avversari per far crescere il personaggio: è forse uno dei pochi giochi dove a crescere è il giocatore stesso. Il gruppo deve farsi forza, i compagni d’arme devono supportarsi l’un l’altro per superare indenni il vero nemico: la guerra.  In questo cooperativo, i giocatori dovranno concludere le missioni mentre le insidie e gli orrori della guerra rendono ogni giorno sempre più difficile e arrivare alla fine della guerra sani e salvi per tornare a casa.

Personalmente, trovo questo gioco fonte di grandi riflessioni. Non si finisce una partita in mezzo alle risate sguaiate: piuttosto si arriva in fondo con la consapevolezza che, in guerra, non ci sono vincitori…

Annunci